River, resurrezione

mio articolo da RIVERPLATE.COM del 9 ottobre 2012, riproposto da SOY DE RIVER

Incalzato dai giornalisti, in settimana Almeyda aveva spiegato che lo schieramento ultradifensivo deciso per far visita all’Arsenal dipendeva esclusivamente dalla caratteristiche di quell’avversario. In base a ciò, non era assolutamente detto che avrebbe ripetuto la formazione col Godoy Cruz.

Contro i mendocini, però, almeno in partenza nulla è cambiato ad eccezione dell’ingresso di Trezeguet, nuovamente disponibile, al posto di Luna: un ritocco quindi tutt’altro che tattico. In più, ancora una volta nessun difensore in panchina coi possibili (e già disgraziatamente sperimentati) rischi che potevano conseguirne. Niente di nuovo, quindi, rispetto alla classica inattendibilità delle parole dell’allenatore e al suo incaponimento su soluzioni incomprensibili anche perché da lui stesso mai volute troppo illustrare. Ancora una volta navigazione a vista, senza il minimo appiglio a una qualsiasi linea, giusta o meno non importa purché in grado di dare la sensazione di aver intrapreso una certa strada, di star seguendo una progettualità.

E così, date le premesse, la sonante vittoria per 5-0 ha sorpreso ed entusiasmato un po’ tutti. Ancor più perché è stato il secondo motivo di giubilo nel giro di otto giorni, dopo il 4-0 inflitto all’Arsenal la giornata precedente. Nove gol fatti e nessuno subito in due partite hanno fatto del River la squadra col miglior attacco del campionato, la seconda per differenza reti e anche una di quelle che negli ultimi tempi hanno avuto la difesa imbattuta assieme, fra gli altri, a Newell’s e Racing cioè i primi e secondi in classifica. Dopo un inizio a singhiozzo, dunque, tutto sembrerebbe mettersi per il meglio.

Com’è sempre doveroso, e ancor più nel momento in cui l’entusiasmo potrebbe togliere lucidità, vanno però messi da parte i numeri presi di per sé per analizzare invece ciò da cui essi sono derivati. Innanzitutto la prudenza è d’obbligo dopo due vittorie sonanti sì ma pur sempre conquistate ai danni di squadre che venivano una da 3 sconfitte con 8 gol subiti (l’Arsenal) e l’altra da altrettanti stop consecutivi esterni (il Godoy Cruz). Sul piano tattico, poi, come anticipato nulla è cambiato. Semmai, allora, al di là della fortuna per cui questa volta i pali li hanno presi gli avversari qualcosa si è trasformato con riguardo all’atteggiamento dei giocatori: praticamente gli stessi, infatti, venivano da una prestazione abbottonatissima e questa domenica invece hanno spaziato in continuazione dimostrando intesa, creatività e contundenza. Questo è al tempo stesso rincuorante ma anche troppo poco per sentirsi sicuri, benché del merito vada comunque riconosciuto ad Almeyda – tanto quanto gli va attribuita anche la solita incoscienza pensando che è stata una fortuna che contro il Tomba non si sia resa necessaria la sostituzione di un difensore altrimenti l’equilibrio conquistato si sarebbe certamente perso un’altra volta.

Tanti, dunque, i punti a favore dell’ultimo River, capace fra l’altro di tornare alla vittoria interna dopo ben 2 mesi e 4 partite (addirittura 10 considerando solo quelle nella massima serie). Altrettante, però, le conferme necessarie ora che sulla propria strada la Banda si troverà il Quilmes (che in casa ha fatto punti 4 volte su 5) e poi il Boca.

Le quasi due settimane di pausa che gli impegni della Nazionale regalano ai club di Primera Division dovranno essere sfruttate al meglio in chiave consolidamento. Al rientro ci si augura innanzitutto di ritrovare in piena forma Ponzio, che nel giorno della sua centesima partita col River è stato vittima di un infortunio alla caviglia che però dovrebbe essere recuperato giusto in quindici giorni. Si spera poi che ora di allora avrà ritrovato tranquillità e convinzione nei propri mezzi Trezeguet, ancora a secco e improvvisamente indotto pur da comprensibili ragioni personali a decidere sul proprio futuro già a fine Incial nonostante il suo contratto scada ben più in là. E’ auspicabile che nel frattempo non perdano lo smalto ritrovato Sanchez e Aguirre, così come che non smetta di brillare la stella di Mora che al momento è assieme a Ponzio il vero faro della squadra. Cose via via migliori ci si attendono infine dalla difesa, che resta inventata in quanto a ruoli e tradisce ancora incertezze ma in queste ultime due uscite se non altro ha saputo assestarsi finendo per dimostrarsi più solida che in passato e potrebbe certamente beneficiare della continuità – anche se c’è da aspettarsi che più o meno a breve, col recupero fisico di Maidana, Mercado e Martinez, Almeyda le metterà nuovamente mano.

Più che su qualsiasi altro bisogna però far conto proprio sul Pelado. Dopo tante parole spese sul suo operato, forse è il caso di rassegnarsi al suo modo di operare e riconoscere in lui un semplice motivatore. Quel che sembra aver creato è un gruppo che, forte delle qualità individuali, una volta caricato al punto giusto può essere in grado di autogestirsi sul campo. Non è esattamente quel che ci si aspetta dall’allenatore del River, ma se a questo bisogna rassegnarsi almeno che non venga mai a mancare il suo influsso positivo (dopo che per troppo tempo il suo intervento ha invece pesato in negativo, il che resta un fatto). Insomma, chissà che agli osservatori di fede ‘millonaria’ e non solo il segreto del suo metodo non debba essere rivelato solo molto tempo dopo che ai suoi (più o meno tutti) fedeli giocatori. Chissà… Fino ad allora, lo si è capito, a chi ama il River non resta che osservare e incrociare le dita.

Annunci
Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: