Archivi delle etichette: Caruso

River Plate 1 Colon 1

mio articolo da RIVERPLATE.COM del 6 giugno 2011

I presupposti erano pessimi. Dopo la vittoria ottenuta venerdì sera dall’Arsenal sull’Olimpo, qualsiasi risultato il River avesse fatto contro il Colon ieri sera e avesse poi fatto fino alla fine del Clausura i contemporanei successi delle due protagoniste della citata sfida di Sarandì negli ultimi due turni di campionato sarebbero stati sufficienti a condannare la Banda agli spareggi. Sempre che non crollasse il Tigre, quarto protagonista della lotta per la salvezza diretta. Ad aggravare le cose, in chiave psicologica, il timore che potessero allungarsi due serie: quella delle ultime 4 giornate senza vittoria e dei 4 ultimi precedenti casalinghi col Colon, ugualmente senza successi.

La settimana era stata anche agitata dalle discussioni sul modulo tattico da adottare, con JJ Lopez criticato per la sua presunta incapacità di dare impulso all’attacco, di gran lunga il reparto che meno ha reso negli ultimi mesi. Risultato, davanti alla difesa titolare un centrocampo arricchito dall’insolito innesto di Lanzini in sostituzione di Acevedo (quindi con propositi più offensivi che di contenimento) e una prima linea dinamica con Lamela dietro ai mobili Buonanotte e Caruso, nella speranza dell’ennesima prestazione sorprendente dell’ex Velez e Godoy Cruz. Sacrificato Pavone, relegato in panchina in attesa del suo probabile trasferimento in Messico.

Alla fine, ad eccezione di Almeyda e Ferrari, proprio Caruso è stato praticamente l’unico a fare il proprio dovere: un gol l’ha messo. Peccato però che sia stato solo quello del pareggio dopo che Fuertes, ancora lui, sempre lui, aveva portato in vantaggio gli ospiti spingendo la Banda sull’orlo del baratro. E dire che con la sconfitta del Tigre, maturata giusto un’ora prima, la serata avrebbe potuto concludersi con un sospiro di sollievo… Cosa ci sarebbe voluto perché andasse così? Di sicuro una prova corale di maggiore spessore, qualcosa che al di là dei giri a vuoto di Lamela non obbligasse il tecnico a togliere in corsa due cervelli dai piedi buoni ma le idee confuse come Lanzini e Buonanotte – le novità del momento, i presunti artefici di una possibile svolta – per inserire altrettanti attaccanti alla disperata ricerca di una conclusione vincente qualsiasi. E invece, per quanto i nuovi entrati Funes Mori e Pavone abbiano confezionato l’azione culminata nel gol dell’1-1, questa mossa si è dimostrata estrema quanto inutile, complice anche la sfortuna che sotto forma di palo ha negato la gioia personale al Tanque e il successo alla Banda.

Morale, quinta partita senza vittoria e 3 soli punti raccolti degli ultimi 15 in palio. Ma anche quarto incontro casalingo senza la posta piena – appena 2 punti su 12 quelli fatti in quest’ultimo scorcio di campionato al Monumental e, in generale, solo 3 le vittorie ottenute di fronte al pubblico amico in 9 occasioni. Poco, troppo poco per questi tifosi, fedeli fino in fondo e che da ieri sera devono anche accontentarsi delle esternazioni col contagocce della squadra, con JJ Lopez che ha financo annullato la conferenza stampa del dopo-partita.

Adesso le cose si fanno dure, durissime. Soprattutto in considerazione dei prossimi avversari dell’Olimpo, il rivale da temere maggiormente: Newell’s in casa e Quilmes fuori, con l’allenatore di questi ultimi che per di più minaccia di schierare i ragazzini se ora di allora i Cerveceros fossero già matematicamente retrocessi. Forse quindi è il caso di far conto sul Tigre, sconfitto in quest’ultima giornata e che il prossimo fine settimana potrebbe perdere altri punti vitali contro l’Independiente, a sua volta in caccia della qualificazione alle Coppe. Ma soprattutto il River dovrà battere i campioni uscenti dell’Estudiantes…